Cosa fare a Santorini
Europa

Cosa fare a Santorini, perla delle Cicladi

Se mi fai questa domanda: Cosa fare a Santorini?

La mia risposta può comprendere una miriade di cose, ma sicuramente Santorini è l’isola del relax e della contemplazione di paesaggi e tramonti.

Scopriamo qualcosa in più su Santorini

Questo incantevole luogo appartiene alle Isole Cicladi e ricade nel Mar Egeo. Nel XVI secolo a.c. fu distrutta da un’eruzione vulcanica che gliene diete in un certo senso la sua forma. Le due città principali Oìa e Fira sono arroccate su una scogliera che si affacciano su una caldera, si tratta in pratica di un cratere sottomarino. Il panorama della caldera è spettacolare, un’attrazione turistica unica, mare blu, villaggi sulle scogliere, rocce rosse e brune e di pomice grigia, il bianco e l’azzurro delle case arroccate le une sulle altre.

La Caldera e il villaggio Oìa

Durante il nostro viaggio di gruppo tra Santorini e altre isole della Grecia, penso che, una delle cose più emozionanti in assoluto sia stata la visita al villaggio Oìa e affacciarsi sulla Caldera. Tutto ruota attorno ad essa il resto è verità conseguente e comunque piacevole allo sguardo. Sentirsi e vedersi a picco sul mare, tra cocktail, passeggiate, negozi tipici o di gioielli e souvenir, case vacanze di lusso e piscine strapiombo. Un posto magico che emoziona e lascia il segno nel cuore.

Cosa fare a santorini

Oìa in particolar modo, il villaggio più a Nord è ricco di incantevoli scorci, all’interno di essa si può camminare seguendo scalinate, salite e discese che vanno da un lato all’altro del villaggio, garantendo sempre ottimi paesaggi, belle viste e carinissimi negozietti.

Le case tradizionali di Oìa e i tramonti

Il villaggio Oìa si caratterizza per un’architettura cicladica che favorisce uno scenario pittoresco e vivace. Il suo nome è recente, risale allo scorso secolo, in passato il villaggio si chiamava Ano Meria, nome rimasto in uso in maniera tradizionale per parte della popolazione.

La cosa più bella da fare a Oìa è attendere il tramonto, gli scorci sono di una bellezza unica e in questo momento della giornata tutti i turisti si recano su scale, muretti e tetti per cogliere il meglio dei colori di fine giornata.

Altra particolarità del villaggio riguarda l’architettura delle sue case. Precisamente ce ne sono di due tipi con valenza architettonica importante: le Kapetanospita cioè le case di capitani e le Iposkafa le case-grotta. Le kapetanospita, case tradizionali di proprietà dei capitani, quindi degli abitanti più ricchi, che solcavano le reti commerciali, viaggiando in lungo e in largo per il mondo. Le Iposkafa invece erano le case dei più poveri ed erano scavate nella roccia.

Una passeggiata a Fira

Cosa fare a Santorini? Sicuramente un’altra località interessante da visitare è Fira, capoluogo dell’isola, ricca di vicoli dominati dai colori bianco e blu, con tanti scorci spettacolari.

A 10 chilometri dal porto principale, si trova nella parte occidentale dell’isola. A 260 metri dal livello del mare Fira o anche detta Thira è arroccata su una scogliera. In ogni angolo del paesello è possibile scorgere paesaggi unici, in particolare quelle sul vulcano sommerso. Altra caratteristica molto bella di Fira è che si può salire dalla costa fin su in alto al paese con gli asini, attraverso un sentiero adattato a questa pratica, molto richiesta dai turisti. Infatti, appena arrivata a Fira, inizialmente non riuscivo a comprendere la presenza di un finto asino davanti un negozio di souvenir, poi tutto ha avuto la sua spiegazione durante l’esplorazione di gruppo.

Cosa fare a Santorini

Come arrivare a Santorini e trasporti al suo interno

Il miglior modo per raggiungere Santorini è prendere l’aereo, visto che sull’isola vi è un piccolo moderno aeroporto che dista 7 chilometri da Fira. Voli dall’Italia ce ne sono diversi, diretti e non e nei periodi estivi invece, aumentano quelli low cost. Altra possibilità , arrivare sull’isola con le navi da crociera.

Per spostarsi invece all’interno di Santorini, diversi sono i mezzi di trasporto, bus, taxi, ma il modo più agevole, comodo e divertente per girare l’isola è noleggiare un auto, oppure uno scooter. In tal caso il divertimento e le emozioni sono duplicate.

La perla delle Cicladi è riuscita a sorprenderci, ritengo sia stata una delle mete più belle viste fino adesso, pensiero condiviso con tutto il gruppo che non ha rinunciato a cammini e scatti fotografici da uno scorcio all’altro.

Per concludere, posso semplicemente aggiungere che a tutti, me compresa, è rimasta la voglia di voler ritornare su quest’isola, assaporandola di più, nel suo splendore e nelle sue attrazioni.

M.Milione

Cosa fare a Santorini

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Chiedi per info