Parco Nazionale del Pollino

“Serra Dolcedorme”, Massiccio del Pollino in Calabria

Massiccio del Pollino
Si crea un’alchimia particolare tra uomini e montagna, essa è come un maestro, è come una stella raggiungibile che indica la direzione, è come una madre che ti insegna il cammino attraverso i sentieri, i torrenti, le distese di neve o di prati verdi immensi, gli alberi  e la vegetazione da colori puri e sgargianti. Raggiungere la vetta trasmette una gioia di vivere inaspettata, è come volare e sentirsi sulle nubi. 
Affascinante e rigoglioso nel suo aspetto è uno dei complessi montuosi più vasti d’Italia, il Massiccio del Pollino, qui emerge la cima della Serra Dolcedorme (2267 mt) con la caratteristica forma ad U, meta interessante per gli escursionisti che si immergono completamente nel cuore del Parco Nazionale del Pollino dove è possibile ammirare il tipico Pino Loricato unico nel suo stile, non mancano poi alberi di faggio che coprono gran parte del territorio. Dall’alto della sua vetta è possibile ammirare un paesaggio davvero suggestivo su una vasta area della Calabria, potendo scrutare nelle giornate più serene parte della Piana di Sibari, borghi come Morano Calabro, Castrovillari, Frascineto. A sud ovest si impongono in  lontananza  le montagne dell’Orsomarso e la meravigliosa Valle dell’Esaro. 
I colori vari del verde della montagna e dell’azzurro del cielo si abbracciano tra loro a tal punto che fondamentale risulterà mettersi in marcia per raggiungere la vetta più alta della Calabria soprattutto per gli appassionati, e godere così del senso di pienezza e libertà che si prova una volta arrivati in cima.
Da qui, una frase a rimarcare tanta bellezza ed emozione:
Chi più alto sale, più lontano vede; chi più lontano vede, più a lungo sogna.
(Felice Bonaiti)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Chiedi per info